Artrite reumatoide: da biotech australiana il primo trial al mondo incentrato sul microbioma

Wayne Finlayson, CEO di Servatus: «Lo studio sui nostri Live Biotherapeutic Product è una pietra miliare»
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Servatus Ltd, biotech australiana che sviluppa terapie microbiome based, ha iniziato a reclutare i pazienti in un primo studio clinico umano al mondo che studia gli effetti dell’utilizzo di Live Biotherapeutic Product per trattare l’artrite reumatoide (RA).

Lo studio è coordinato dal reumatologo australiano Peter Nash, in forza alla Rheumatology Research Unit sulla Sunshine Coast nel Queensland, e indagherà gli effetti di prodotti bioterapici vivi appositamente formulati per pazienti con artrite reumatoide.

L’obiettivo della sperimentazione è valutare l’impatto sulla composizione e la funzione del microbioma intestinale e, in definitiva, l’associazione tra un intestino sano e una riduzione dei sintomi associati all’artrite reumatoide.

Gli studi preclinici condotti su modelli animali hanno già prodotto risultati molto positivi; l’obiettivo ora è dimostrare l’efficacia di questo trattamento sulle persone.

Peter Nash dell’Università del Queensland, Griffith University, Direttore dell’Unità di ricerca reumatologica sulla Sunshine Coast, ha affermato: «Sappiamo che il microbioma intestinale è importante nella possibile causa e/o uno dei fattori scatenanti dell’artrite reumatoide e questa è un’entusiasmante opportunità per testare gli effetti benefici di un nuovo Live Biotherapeutic Product».

Wayne Finlayson, CEO di Servatus, ha aggiunto: «Il reclutamento del primo paziente in questo storico studio sull’uomo è una pietra miliare. Identificare un legame tra il microbioma e una riduzione dei sintomi associati all’artrite reumatoide ci potrebbe consentire di offrire alle persone che convivono con un dolore debilitante costante un trattamento efficace e naturale».

La tecnologia di Servatus utilizza bioterapici vivi derivati ​​​​dal microbioma umano che hanno una modalità d’azione diversa rispetto ai farmaci esistenti: migliorarano la produzione di citochine antinfiammatorie.


Ricevi gli aggiornamenti sul mercato del microbiota