I batteri sono fondamentali nel determinare gli esiti degli interventi chirurgici. Non è un caso che lo sviluppo e la diffusione di antisepsi e antibiotici sia stato accompagnato dall’abbassamento della mortalità e della morbilità. Ad esempio, nel cancro dell’intestino e del retto, la chirurgia del colon-retto può fallire a causa di anostomosi, una complicanza con tutta probabilità dovuta alla metabolizzazione del collagene da parte del microbiota intestinale.

Secondo James Kinross dell’Imperial College di Londra, “la modulazione perioperatoria del microbioma intestinale è sempre più importante per migliorare non solo gli esiti operativi, ma anche oncologici, e assicurare ai pazienti una buona qualità della vita dopo il trattamento del cancro”.