Ingegnerizzare il microbiota cutaneo per trattare le malattie della pelle

6 marzo 2018

Condividi:

Attraverso l’ingegnerizzazione si può indurre il microbiota cutaneo a produrre proteine umane direttamente sulla pelle, fornendo supporto al trattamento delle patologie dermatologiche come la dermatite atopica o eczema e malattie più rare come la sindrome di Netherton. Le indicazioni cliniche sono svariate, ma il processo di approvazione di un farmaco presenta ostacoli che possono rallentare i trial clinici.

Ce ne parla Travis Whitfill, Chief Scientific Officer di Azitra Inc.

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su microbiota e probiotici

Articoli consigliati

Start typing and press Enter to search