Cerca
Close this search box.

Prebiotici, probiotici, simbiotici: metanalisi sui potenziali benefici nella depressione

Probiotici, prebiotici e simbiotici, manipolando il microbiota intestinale, potrebbero migliorare la depressione da lieve a moderata.
CONDIVIDI →

Prebiotici, probiotici, simbiotici: metanalisi sui potenziali benefici nella depressione

CONDIVIDI →

Stato dell’arte
Numerosi studi hanno dimostrato gli effetti degli strumenti di gestione del microbiota intestinale nel migliorare la depressione.

Cosa aggiunge questa ricerca
Attraverso una meta-analisi sono stati valutati gli effetti di prebiotici, probiotici e simbiotici su pazienti con depressione ed è stato dimostrato che nei pazienti che hanno ricevuto prebiotici, probiotici o simbiotici erano significativamente migliorati i sintomi della depressione rispetto a quelli del gruppo placebo.

Conclusioni
Probiotici, prebiotici e simbiotici, manipolando il microbiota intestinale, potrebbero migliorare la depressione da lieve a moderata.

Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è un disturbo dell’umore che compromette la funzione psicosociale e la qualità della vita. La modalità terapeutica iniziale per la depressione è la farmacoterapia con o senza psicoterapia e altre terapie somatiche. 

Tuttavia, circa il 50% dei pazienti affetti da disturbo depressivo maggiore non risponde sufficientemente ai farmaci antidepressivi. Questi problemi richiedono lo sviluppo di trattamenti aggiuntivi come ad esempio gli strumenti di gestione del microbiota intestinale. 

Una metanalisi ha analizzato gli effetti di prebiotici, probiotici e simbiotici, strumenti di gestione del microbiota intestinale, su MDD, e i risultati sono stati pubblicati su BMC Psychiatry.

Modulazione del microbiota

Gli strumenti di gestione del microbiota intestinale comprendono prebiotici, probiotici e simbiotici. I probiotici sono microrganismi vivi che forniscono benefici per la salute se consumati in quantità adeguate, i prebiotici sono rappresentati da un substrato utilizzato selettivamente dai microrganismi ospiti che conferisce un beneficio alla salute, mentre i simbiotici sono una miscela di prebiotici e probiotici. 

Questi agenti modulano il microbiota interno e la sua funzione ed esercitano anche un impatto sul sistema nervoso centrale attraverso collegamenti neurali, neuroendocrini, neuroimmuni e umorali.  

Pertanto, prebiotici, probiotici e simbiotici rivelano un nuovo modo per trattare i disturbi psichiatrici come la depressione attraverso l’asse microbiota-intestino-cervello. È stato dimostrato in modelli animali che i probiotici o i prebiotici sono in grado di alleviare comportamenti di tipo depressivo.

Come cambia il microbiota nella depressione

Diversi studi sull’uomo hanno riscontrato un’influenza del sesso sulla composizione microbica gastrointestinale, sia in individui sani sia in pazienti depressi. È stato segnalato che le femmine sane avevano una maggiore abbondanza del genere Bacteroides rispetto ai maschi. 

Al contrario, il microbiota intestinale nei maschi conteneva una maggiore abbondanza dei generi Escherichia e Veillonella rispetto alle femmine. Per quanto riguarda i modelli di microbiota nei pazienti con depressione, rispetto alla coorte sana abbinata per sesso, le femmine non trattate con un primo episodio depressivo mostrano una maggiore abbondanza di Actinobacteria, mentre i maschi mostrano una minore abbondanza di Bacteroides

Questa diversità potrebbe essere spiegata dai livelli di estrogeni, come mostrano alcuni studi sulla disbiosi microbica intestinale indotta da ovariectomia bilaterale nei topi. Sulla base delle differenze tra sessi nel microbiota intestinale, il sesso biologico potrebbe anche influenzare la risposta dei pazienti depressi ai trattamenti mirati al microbiota intestinale come prebiotici, probiotici e simbiotici.

Meccanismi antidepressivi dei probiotici, prebiotici e simbiotici

Gli effetti antidepressivi di probiotici, prebiotici e simbiotici potrebbero essere spiegati da molteplici meccanismi. 

Il primo è l’interazione con il microbiota intestinale. Le sperimentazioni sugli animali hanno osservato una differenza nella composizione del microbiota interno tra i soggetti rispondenti e non rispondenti ai probiotici per quanto riguarda il comportamento di tipo depressivo. Hanno scoperto che l’abbondanza fecale dei generi relativi, in particolare del genere Lactobacillus, era maggiore nei rispondenti rispetto ai non rispondenti. 

Anche le specie del microbiota intestinale nei topi con depressione indotta da antibiotici hanno subito alterazioni significative, come un aumento di Bacteroides e Klebsiella, e anche in questo caso i probiotici si sono dimostrati in grado di ripristinare la disregolazione del microbiota intestinale. 

Per quanto riguarda l’alterazione dell’abbondanza di diversi taxa microbici, studi precedenti hanno dimostrato che il genere Bifidobacterium era diminuito nei pazienti con disturbo depressivo maggiore rispetto ai controlli, ma tale genere è risultato aumentato dopo il trattamento con probiotici.

Il secondo meccanismo è di tipo antinfiammatorio. È stato riscontrato che i pazienti con MDD hanno un aumento delle citochine proinfiammatorie e delle proteine ​​di fase acuta come IL-6, TNF e proteina C-reattiva nel sangue. Diversi studi hanno dimostrato che probiotici e prebiotici mostrano effetti antinfiammatori, mediante l’aumento dei livelli di citochine antinfiammatorie, come il TNF, e riduzione delle risposte T helper di tipo 2.

Ridurre i sintomi depressivi

Analizzando diversi studi mediante una metanalisi si è osservato come gli effetti complessivi di probiotici, prebiotici e simbiotici sui sintomi depressivi risultano significativamente superiori a quelli del placebo. 

I trattamenti si sono rivelati efficaci per i pazienti con depressione sia lieve che moderata, ma potrebbero essere impiegati anche come alternative benefiche per chi soffre di depressione da lieve a moderata. 

Nel frattempo è stato dimostrato che i pazienti con un range di gravità da lieve a moderato hanno riportato una minore vulnerabilità cognitiva alla depressione in seguito all’intervento probiotico. Lactobacillus casei (L. casei), Lactobacillus acidophilus (L. acidophilus) e Bifidobacterium (ad esempio, B. longum, B. bifidum, B. breve) sono ceppi comuni contenuti nelle capsule probiotiche, che agiscono come flora microbica benefica.

Lactobacilli e bifidobatteri 

Ceppi specifici di probiotici sono utili per il trattamento di sintomi depressivi. L. casei viene tipicamente utilizzato per trattare le malattie gastrointestinali, e studi sugli animali hanno dimostrato che può migliorare comportamenti simili alla depressione nei ratti invertendo i cambiamenti nell’espressione del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) e del suo recettore indotti dallo stress cronico. 

Anche Bifidobacterium è un candidato promettente per il trattamento dei disturbi psichiatrici. È stato scoperto che B. breve esercita effetti simil-antidepressivi attraverso vari meccanismi, come la deregolamentazione dell’asse iperattivo ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). B. longum invece riduce la reattività limbica per indebolire le risposte alla stimolazione emotiva negativa nel cervello.

Conclusioni

Gli agenti che manipolano il microbiota intestinale potrebbero diventare un nuovo approccio per il trattamento dei pazienti con depressione da lieve a moderata. 

Sono stati osservati effetti antidepressivi significativi dei probiotici, mentre l’efficacia dei prebiotici e dei simbiotici sulla depressione richiede ulteriori prove per essere confermata

Inoltre, il sesso biologico è un fattore vitale che influenzava le risposte dei pazienti al trattamento, e la ricerca e la pratica nel mondo reale potrebbero concentrarsi maggiormente su questo punto.

Potrebbe interessarti

Oppure effettua il login