Cerca
Close this search box.

Depressione in premenopausa: sotto accusa microbi intestinali che degradano l’estradiolo

I risultati di un recente studio suggeriscono che i batteri che degradano l'estradiolo potrebbero rappresentare bersagli terapeutici per il trattamento della depressione in alcune donne.
CONDIVIDI →

Depressione in premenopausa: sotto accusa microbi intestinali che degradano l’estradiolo

CONDIVIDI →

Stato dell’arte
La depressione è circa due volte più comune nelle donne rispetto agli uomini, probabilmente a causa dei cambiamenti nei livelli di estradiolo. Infatti, sia nei roditori sia nelle donne in premenopausa bassi livelli ematici di questo ormone sono risultati correlati alla depressione. Tuttavia, le cause di questa riduzione non sono chiare.

Cosa aggiunge questa ricerca
Dalle feci di donne in premenopausa affette da depressione, i ricercatori hanno isolato un ceppo di Klebsiella aerogenes in grado di degradare l’estradiolo. Il trasferimento di questo ceppo batterico nell’intestino dei topi ha portato a un calo dei livelli di estradiolo e a comportamenti simili alla depressione. I ricercatori hanno anche identificato in K. aerogenes il gene che codifica per l’enzima di degradazione dell’estradiolo, denominato 3β-idrossisteroide deidrogenasi (3β-HSD). La prevalenza di K. aerogenes e 3β-HSD è risultata più alta nelle donne in premenopausa con depressione rispetto a quelle che non soffrivano di questo disturbo.

Conclusioni
I risultati suggeriscono che i batteri che degradano l’estradiolo potrebbero rappresentare bersagli terapeutici per il trattamento della depressione in alcune donne.

Le donne hanno quasi il doppio delle probabilità rispetto agli uomini di ricevere una diagnosi di depressione. 

Di recente, un gruppo di ricercatori ha scoperto che una specie di batteri intestinali in grado di degradare l’estradiolo è associata alla depressione nelle donne in premenopausa

I risultati, pubblicati su Cell Metabolism, suggeriscono che i batteri che degradano questo ormone potrebbero rappresentare bersagli terapeutici per il trattamento della depressione. 

Depressione e livelli di estradiolo

La maggiore prevalenza della depressione nelle donne è probabilmente dovuta ai cambiamenti nei livelli di estradiolo

Sia nei modelli murini sia nelle donne in premenopausa, bassi livelli ematici di questo ormone sono risultati correlati alla depressione. Tuttavia, le cause di questa riduzione non sono chiare. 

Dal momento che i microbi intestinali possono alterare i livelli ematici di ormoni steroidei come l’estradiolo, i ricercatori guidati da Zhongchun Liu, Gaohua Wang e Yan Li del Renmin Hospital of Wuhan University hanno deciso di indagare la presenza nell’intestino delle donne con depressione di microbi che degradano l’estradiolo e il loro eventuale legame con la depressione. 

Microbiota, Klebsiella aerogenes e degradazione dell’estradiolo 

I ricercatori hanno valutato i livelli sierici di estradiolo in 91 donne in premenopausa con depressione e 98 donne in premenopausa che non soffrivano di questo disturbo. 

Nel primo gruppo sono stati rilevati livelli sierici di estradiolo inferiori; inoltre, è stato osservato che il loro microbiota intestinale era in grado di degradare l’estradiolo in modo più efficiente. 

I ricercatori hanno poi analizzato topi che hanno ricevuto trapianti fecali da donne depresse in premenopausa, rilevando comportamenti simili alla depressione e livelli ematici di estradiolo più bassi rispetto ai topi di controllo. 

Infine, dalle feci di donne in premenopausa affette da depressione, il team ha isolato un ceppo di Klebsiella aerogenes in grado di scomporre l’estradiolo. 

Il trasferimento di questo ceppo batterico nell’intestino dei topi ha portato a un calo dei livelli di estradiolo e a comportamenti simili alla depressione. 

Possibili obiettivi terapeutici 

Utilizzando il sequenziamento dell’intero genoma, i ricercatori sono stati in grado di identificare in K. aerogenes il gene che codifica per l’enzima di degradazione dell’estradiolo, denominato 3β-idrossisteroide deidrogenasi (3β-HSD). 

La prevalenza di K. aerogenes e 3β-HSD è risultata più alta nelle donne in premenopausa con depressione. Inoltre, in topi colonizzati con batteri Escherichia coli che esprimono 3β-HSD sono stati osservati livelli sierici di estradiolo ridotti. I roditori hanno anche mostrato comportamenti simili alla depressione, che sono stati alleviati dall’integrazione di estradiolo. 

«Vale la pena notare che, anche se l’integrazione di estradiolo ha migliorato i comportamenti simili alla depressione nei topi, i batteri intestinali che esprimono l’enzima 3β-HSD potrebbero causare una ricaduta. Pertanto, questi batteri, e in particolare gli enzimi da loro espressi, possono rappresentare nuovi bersagli per il trattamento della depressione».

Potrebbe interessarti

Oppure effettua il login