C. difficile: vitamina D modula il microbiota e potrebbe ridurre le recidive

Il supplemento di vitamina D in pazienti con infezione da C. difficile potrebbe favorire la proliferazione di batteri utili per contrastare il patogeno e limitarne le recidive.
CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

C. difficile: vitamina D modula il microbiota e potrebbe ridurre le recidive

CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stato dell’arte
Il trattamento per infezioni da C. difficile si basa su antibiotici e/o trapianto di microbiota fecale. In un terzo dei casi però queste strategie sembrano non essere efficaci.

Cosa aggiunge questa ricerca
Basse concentrazioni di vitamina D sono risultate associate a una maggiore ricorrenza e gravità delle infezioni da C. difficile. In questo studio ne è stato quindi valutato l’impatto sul microbiota intestinale dopo una sua somministrazione.

Conclusioni
Un incremento di vitamina D ha mostrato un parallelo aumento di batteri “buoni” quali Bifidobacteriaceae e Christensenellaceae suggerendo un suo possibile utilizzo, da confermare, nel contrastare l’infezione da C. difficile.

Un supplemento di vitamina D sembrerebbe essere utile nel ridurre le recidive e la gravità delle infezioni da Clostridium difficile favorendo un incremento di batteri buoni quali Bifidobacteriaceae e Christensenellaceae

È quanto dimostra lo studio di Sang Hoon Lee e colleghi della Kangwon National University School of Medicine (Sud Corea) di recente pubblicato su Frontiers in Cellular and Infection Microbiology.

Clostridium difficile: le terapie disponibili

L’infezione da C. difficile (CDI) è una delle cause di infezioni nosocomiali con un incidenza e tasso di mortalità in costante incremento

Le attuali terapie includono l’uso di antibiotici orali (vancomicina o metronidazolo) sebbene siano inappropriati per le forme più gravi e ricorrenti. 

Con l’obiettivo  di sostenere il sistema immunitario ripristinando una corretta flora batterica intestinale, il trapianto di microbiota fecale ha recentemente mostrato un buon successo. Inefficacia è stata tuttavia registrata in alcuni casi. Quali sono dunque gli altri fattori influenzanti la buona riuscita della terapia? 

È stato dimostrato come una carenza di vitamina D (< 20 ng/ml) sia correlata a un incremento nel rischio di infezioni oltre a una loro maggiore gravità e ricorrenza. 

Un suo supplemento sembrerebbe, quindi,  essere utile nel contrastare infezioni, CDI inclusa. Che impatto abbia nella popolazione batterica commensale rimaneva, fino a questo studio, tuttavia da chiarire. 

Vitamina D e microbiota intestinale

È stato quindi confrontato Il microbiota intestinale di pazienti positivi per CDI, trattati con vancomicina (14 giorni, 125 mg) e carenti di vitamina D (< 17 ng/ml) con (200.000 IU/die, intramuscolo; n=10) o senza (n=8) un suo supplemento. Ecco quanto emerso. 

Partendo dall’analisi del microbiota all’inizio e alla fine dell’infezione (8 settimane) si è visto come l’alfa diversità sia aumentata con la guarigione. Andamento opposto invece per la beta diversità

Entrando più nel dettaglio invece:

  • a livello di specie, Proteobacteria (Enterobacteriaceae e Sutterellaceae) e Enterococcaceae, hanno mostrato un incremento durante l’infezione per poi diminuire
  • di contro, un aumento si è registrato per i batteri commensali nel periodo di guarigione
  • un aumento significativo con la guarigione si è registrato ad esempio per ceppi producenti acidi grassi a catena corta (SCFAs) come Lachnospiraceae o Ruminococcaceae oltre che a Bifidobacteriaceae e Christensenellaceae
  • con la guarigione si è inoltre osservata una diminuzione di Proteobacteria correlabile a un aumento di Lachnospiraceae e Ruminococcaceae

La vitamina D ha influenzato quindi il profilo batterico? Nonostante alfa e beta diversità non abbiamo mostrato variazioni, sembrerebbe avere un impatto. Infatti:

  • l’abbondanza di Proteobacteria, significativamente aumentata con CDI, ha invece registrato un andamento in diminuzione nel gruppo con supplemento seppur non significativo
  • a livello di famiglia e genere, il gruppo con vitamina D ha mostrato un significativo decremento di Enterobacteriaceae e Escherichia rispetto ai controlli. Aumentata in maniera evidente anche l’abbondanza di Christensenellaceae, Bifidobacteriaceae Sutterellaceae, Lachnospiraceae e Ruminococcaceae 

Conclusioni

Il supplemento di vitamina D in pazienti con infezione da C. difficile potrebbe quindi favorire la proliferazione di batteri utili per contrastare il patogeno e limitarne le recidive, suggerendo un uso di tale vitamina come coadiuvante la terapia antibiotica e/o trapianto di microbiota fecale. Ulteriori conferme con un maggior numero di pazienti sono tuttavia necessarie.

Potrebbe interessarti