Sui prodotti bioterapeutici vivi per uso umano recentemente si è espressa la Commissione della Farmacopea Europea, stabilendone i requisiti di qualità.

Tra le aziende europee attive in questo campo, la svedese MetaboGen si è focalizzata sul target microbiota umano e in particolare sulla produzione di butirrato e sulla steatosi epatica non alcolica.

«Pensiamo – ci racconta Sara Malcus, CEO di MetaboGen – che il microbioma possa fare la differenza. Stiamo affrontando la funzione epatica e l’effetto del microbioma nelle malattie legate al fegato e abbiamo attivato uno studio sulla colestasi intraepatica in gravidanza insieme a Ferring Pharmaceuticals. Siamo davvero entusiasti sul futuro del microbioma – conclude Malcus – e non vediamo l’ora di ottenere i risultati del nostro lavoro.»