Vaginosi batterica ricorrente: probiotici prevengono le recidive

3 settembre 2018

La vaginosi batterica è una patologia molto frequente e qualche volta drammatica per la donna. Non si tratta di un’infezione: è uno squilibrio o, per meglio dire, una disbiosi dell’ambiente vaginale. Qui, infatti, convivono numerosi batteri che, quando sono in equilibrio, non danno nessun tipo di sintomatologia.
Per cause spesso sconosciute, salta questo equilibrio e appaiono alcuni batteri in grado di causare alla paziente disturbi come perdite maleodoranti e/o arrossamenti e creando comunque un grande disagio.

Il problema principale della vaginosi batterica è la recidiva, ovvero il fatto che ciclicamente e nonostante le terapie antibiotiche, la paziente debba nuovamente affrontare questo tipo di disturbo senza ottenere una soluzione definitiva.

In questi casi, l’utilizzo del probiotico, sia vaginale sia orale, può riequilibrare e ripopolare il microbioma vaginale alterato e quindi ridurre e spesso annullare in maniera definitiva il rischio di queste recidive.

Ne parliamo con il ginecologo Franco Vicariotto dell’Humanitas San Pio X di Milano e fondatore della Società italiana integratori e fitofarmaci in ostetricia e ginecologia.

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su microbiota e probiotici

Articoli consigliati

Start typing and press Enter to search