La rivoluzione del microbiota non riguarda solo la medicina tradizionale, ma anche quella veterinaria. L’intestino degli animali, infatti, è simile a quello dell’uomo e i concetti di base sono sovrapponibili. Ciò ha fatto in modo che nella veterinaria si sviluppasse la diagnostica sul microbiota intestinale.

Visita il nostro portale MicrobiomaVeterinario.it

Abbiamo parlato di questo tema con il prof. Antonio Gasbarrini, direttore del CEMAD al Policlinico Gemelli di Roma: «Anche gli animali hanno i grandi phyla dell’uomo – Bacteroidetes, Firmicutes, Verrucomicrobia, Ascomycota, Proteobacteria – e si è visto che molte delle malattie veterinarie immuno-relate, correlate a disturbi metabolici o a patologie oncologiche, sono caratterizzate da un’importante disbiosi intestinale. Quindi come nell’uomo, il microbiota intestinale degli animali può essere modulato attraverso gli antibiotici, i probiotici, i prebiotici, i sinbiotici, il trapianto di microbiota e la stessa alimentazione. E ciò sta rivoluzionando l’approccio della medicina veterinaria.»

Ecco l’intervista al prof. Antonio Gasbarrini.