Asse intestino cervello, un convegno a Bologna

Si terrà il 26 gennaio 2024 e interverranno i principali protagonisti della ricerca italiana.
CONDIVIDI →

Asse intestino cervello, un convegno a Bologna

CONDIVIDI →

Si terrà il 26 gennaio 2024, presso il Royal Hotel Carlton in via Via Montebello, 8 a Bologna, il convegno “Pancia e Cervello una Strada a Doppio Senso – i progressi della scienza per vivere meglio” organizzato dal Gruppo Italiano Pseudo-ostruzione intestinale (GIPsI OdV) con il patrocinio, tra gli altri, dell’Università di Bologna e del comune di Bologna.

Da millenni sono noti gli importanti effetti che il sistema nervoso centrale (SNC) gioca nei confronti dell’apparato digerente (asse cervello-intestino).

Ulcere da stress, riacutizzazioni di malattie infiammatorie intestinali, come pure i semplici attacchi di diarrea di uno studente prima dell’esame o le farfalle nello stomaco di un innamorato sono esempi noti a tutti.

Negli ultimi decenni però stanno emergendo dati incontrovertibili sul ruolo fondamentale che l’apparato digerente svolge sulle funzioni del cervello (asse intestino-cervello).

L’efficacia terapeutica di probiotici nelle sindromi depressive ed il miglioramento neurologico in ragazzi autistici trattati con trapianto di microbiota intestinale sono esempi eclatanti che emergono dalla massa di informazioni che puntano in questa direzione.

In molte condizioni patologiche un coinvolgimento di fattori centrali e periferici legati in circoli viziosi impongono approcci diagnostico-terapeutici multidisciplinari (gastroenterologi, psicoterapeuti, psichiatri, neurologi) che potrebbero diventare indispensabili anche in forme che attualmente vengono considerate di appannaggio esclusivo del SNC (disturbi del comportamento alimentare quali anoressia nervosa, bulimia, ecc.) o dell’apparato digerente (pseudo-ostruzione intestinale cronica – CIPO).

Neurologi, psichiatri, psicologi e gastroenterologi hanno finora valutato questi fenomeni separatamente.

Il convegno “Pancia e Cervello una Strada a Doppio Senso” si propone per la prima volta di mettere insieme questi specialisti con la finalità di intraprendere strade comuni per il bene dei pazienti.

Secondo l’esperienza maturata in Emilia-Romagna, il modello organizzativo più appropriato richiede l’impiego di diverse professionalità per un approccio multiprofessionale (medici, psicologi, nutrizionisti, educatori, infermieri, dietisti, etc.) e di diverse discipline per un approccio multidisciplinare (psichiatria, psicologia clinica, psicoterapia, neuropsichiatria infantile, pediatria, medicina nutrizionale etc.) per la diagnosi e la cura.

Il Gruppo Italiano Pseudo-ostruzione intestinale (GIPsI OdV) ha permesso l’inserimento della CIPO nell’elenco delle malattie Rare del Consiglio Superiore di Sanità, supporta i pazienti affetti da tale gravissima patologia digestiva, affianca i ricercatori attivi in questo settore e si propone per l’organizzazione del convegno.

Per partecipare è necessario iscriversi compilando il form a questo link.

Il programma

14.00 Saluto delle Autorità

Guida le tavole Rotonde degli esperti: Massimo Barberi, Giornalista scientifico, direttore di Microbioma.it, Milano

14.30 TAVOLA ROTONDA Gli effetti del cervello sui problemi digestivi. I disturbi dell’alimentazione e non solo.

– I disturbi dell’alimentazione in età pediatrica. Antonia Parmeggiani, Neuropsichiatria infantile, Università di Bologna – IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche, Bologna

– Disturbi dell’alimentazione: il punto di vista dello psicoterapeuta. Enrico Prosperi, Presidente Società Italiana di Educazione Terapeutica (SIET), Psicologia Clinica, Roma

– La cura multidisciplinare nei disturbi dell’alimentazione. Donatella Ballardini Direttore Medico Centro Gruber, Bologna

Avoidant/restrictive food intake disorder (ARFiD). Una nuova ipocondria alimentare o la reazione a intolleranza / allergie non riconosciute? Loris Pironi, Nutrizione Clinica e Metabolismo-Centro IICB, Università di Bologna – IRCCS Policlinico S. Orsola, Bologna

16.30 TAVOLA ROTONDA Gli effetti dei disturbi digestivi sul cervello. Quando è la pancia che controlla la nostra vita.

La sindrome dell’intestino irritabile. Tutto nella pancia? O tutto nella testa? Giovanni Barbara, Gastroenterologia, Università di Bologna – IRCCS Policlinico S. Orsola, Bologna

Microbiota intestinale e disturbi del Sistema Nervoso Centrale. Cesare Cremon, Medicina Interna, IRCCS Policlinico S. Orsola, Bologna

Presentazione GiPsi ODV per la CiPO. i libri “dei ragazzi” Anna Geti, Presidente GIPsI, Pisa

La CiPO (pseudo-ostruzione intestinale cronica), quando la pancia è tanto arrabbiata. Vincenzo Stanghellini, Medicina Interna, Università di Bologna – IRCCS Policlinico S. Orsola, Bologna

La CiPO (pseudo-ostruzione intestinale cronica), possibilità terapeutiche. Roberto De Giorgio, Medicina Interna, Università di Ferrara

18.30 Esposizione dei libri di GiPsi e cocktail di saluto

Potrebbe interessarti

Oppure effettua il login