Psoriasi: effetti benefici delle acque termali associati a modulazione del microbiota della pelle

I cambiamenti nella presenza e nell’abbondanza di taxa microbici con minore abbondanza potrebbero essere la base per l’effetto positivo del trattamento e del consumo di acqua termale sulla sintomatologia cutanea e sistemica della psoriasi.
CONDIVIDI →

Psoriasi: effetti benefici delle acque termali associati a modulazione del microbiota della pelle

CONDIVIDI →

Stato dell’arte
La psoriasi è una malattia sistemica immunomediata che si manifesta principalmente con arrossamento e infiammazione della pelle. Una delle opzioni terapeutiche non farmacologiche maggiormente utilizzate è la balneoterapia, o terapia termale, che ha lo scopo di ridurre le aree cutanee colpite dalla malattia.

Cosa aggiunge questa ricerca
L’effetto dei trattamenti termali sulle lesioni psoriasiche potrebbe essere parzialmente mediato da cambiamenti nella popolazione microbica residente sulla cute, valutati come cambiamenti nell’indice di area e gravità della psoriasi, e nell’intestino.. Dopo il trattamento termico la composizione del microbioma delle aree interessate è migliorata avvicinandosi a quella tipica della pelle non interessata.

Conclusioni
I cambiamenti nella presenza e nell’abbondanza di taxa microbici con minore abbondanza potrebbero essere la base per l’effetto positivo del trattamento e del consumo di acqua termale sulla sintomatologia cutanea e sistemica della psoriasi.

La psoriasi è una malattia immunomediata che si manifesta principalmente come arrossamento della pelle e infiammazione e colpisce il 2-3% della popolazione mondiale. Precedenti studi e pratica clinica hanno dimostrato che il trattamento con acqua termale può rappresentare un’opzione non farmacologica per ridurre le aree colpite dalla malattia.

Studi recenti hanno suggerito che il beneficio di questo trattamento potrebbe essere dovuto all’effetto dell’acqua termale sulle comunità microbiche che vivono sulla pelle (cioè il microbioma cutaneo). La conferma è arrivata grazie a un recente studio, condotto alle Terme di Comano e i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Dermatology and therapy, coordinato dal CIBIO dell’Università di Trento.

Psoriasi e microbiota cutaneo

Come per altre malattie immuno-mediate, si ritiene che l’insorgenza della psoriasi sia dovuta a una combinazione di fattori sia genetici che ambientali, ma anche a comorbidità predisponenti. Ad oggi non esiste una cura definitiva e le attuali opzioni di trattamento includono unguenti e creme idratanti per prevenire il prurito, corticosteroidi topici, analoghi della vitamina D, inibitori della calcineurina, fototerapia, cheratolitici e anticorpi monoclonali (specialmente nei casi più gravi di artrite psoriasica). 

La balneoterapia breve con acqua termale costituisce un valido e comprovato trattamento coadiuvante nelle lesioni psoriasiche sebbene i meccanismi alla base dell’effetto benefico non siano del tutto chiariti.

Effetti delle cure termali sulla psoriasi

La riduzione della gravità della psoriasi dopo balneoterapia potrebbe essere dovuta all’interazione tra microbi o molecole microbiche presenti nell’acqua utilizzata per le cure termali e il microbioma cutaneo dei pazienti con psoriasi

È infatti noto anche che la psoriasi ha una componente microbica e che le infezioni possono causare un’esacerbazione della malattia. Il microbioma cutaneo svolge anche un ruolo nel modulare le risposte immunitarie dell’ospite e nel limitare o inibire la colonizzazione dei patogeni, entrambi cofattori implicati dell’eziologia della psoriasi. 

Taxa microbici cutanei prima e dopo le terme

Le specie batteriche più abbondanti sulla pelle appartengono ai generi Staphylococcus, Cutibacterium e Corynebacterium, presenti con un’abbondanza relativa media rispettivamente del 34,1%, 18,2% e 13,5%, seguiti da Anaerococcus, Acinetobacter, Enhydrobacter e Streptococcus.  

Questi generi sono risultati dominanti sia sulla pelle con psoriasi sia sulla pelle sana, ma ciò che varia è la stratificazione compositiva del microbioma in base alla posizione, con taxa con abbondanza inferiore che differiscono per esempio tra la la zona dell’orecchio e del gomito

Più specificamente, prima della balneoterapia, lo Staphylococcus era significativamente presente sulla piega retroauricolare rispetto a quella del gomito (37,5% vs 26,5%), sia nei campioni di orecchie affette sia in quelli di orecchie sane. Al contrario, i generi Micrococcus, Enhydrobacter, Acinetobacter e molti altri erano associati al microbioma cutaneo della fossa cubitale. 

Nei campioni pretrattamento sono stati identificati due generi ampiamente presenti sulla pelle malata dietro l’orecchio (Finegoldia e Actinobacillus) e tre sulla pelle del gomito (Ornithinimicrobium, Mesorhizobium e Thermus). Altri due generi erano invece significativamente ridotti dietro le orecchie affette da psoriasi (Brevundimonas e Massilia) e cinque erano ridotti sulla pelle colpita dei gomiti (Rubrobacter, Cloacibacterium, Delftia, Gordonia e Microbacterium). 

Dopo la balneoterapia, si osserva una diminuzione significativa di Ornithinimicrobium, Mesorhizobium e Thermus, che sono i tre taxa precedentemente associati alla malattia dei gomiti. Al contrario, Delftia, che in precedenza era ridotta nelle aree affette da psoriasi, aumentava dopo i trattamenti termici. 

Altri generi precedentemente ridotti nei campioni di pelle psoriasica, come Gordonia e Cloacibacterium, sono aumentati dopo la balneoterapia, mentre Microbacterium, precedentemente associato alla pelle malata, è diminuito.

Miglioramento delle condizioni cliniche

L’aumento di Massilia, Parvimonas, Limnobacter e Klebsiella e la diminuzione di Anaerococcus, Micrococcus, Haemophilus, Finegoldia, Aggregatibacter e altri generi più rari erano associati a un miglioramento della malattia psoriasica dietro le orecchie

Nella fossa dei gomiti, un aumento di Acidibacter, Ezakiella, Erwinia, Delftia e Staphylococcus e una diminuzione di Micrococcus, Ornithinimicrobium, Streptococcus, Aggregatibacter ed Enhydrobacter sono stati associati al miglioramento. Anche altri taxa con abbondanza inferiore erano associati a risposte positive o negative ai trattamenti termici. 

In particolare, l’83,87% dei generi differenziali non era concordante tra rispondenti e non rispondenti. Ulteriori indagini sulla correlazione tra miglioramento della malattia e aumento delle specie di Staphylococcus hanno evidenziato un aumento dell’abbondanza relativa di Staphylococcus aureus sui gomiti. Al contrario, i miglioramenti delle manifestazioni cutanee psoriasiche sono stati associati alla diminuzione dello Staphylococcus saprophyticus.

Conclusioni

Lo studio sottolinea il potenziale impatto della balneoterapia e del consumo di acqua termale sulla pelle psoriasica e sul microbioma, suggerendo la possibilità di ripristinare una composizione microbica più sana associata alla riduzione delle lesioni. 

Le connessioni tra i cambiamenti del microbioma e i miglioramenti clinici sollevano interrogativi interessanti sul ruolo del microbioma cutaneo e intestinale nella patogenesi e nel trattamento della psoriasi.

Potrebbe interessarti

Oppure effettua il login