giovedì, 29 Ottobre, 2020

Probiotici orali in ginecologia: quali caratteristiche devono avere?

In questi anni l’utilizzo di probiotici orali in ginecologia e ostetricia si è sempre più diffuso. Ma attraverso quali meccanismi si rivelano efficaci? Cosa vuol dire usare probiotici orali al posto degli antibiotici? E quali parametri di sicurezza è necessario monitorare?

Ce ne parla il ginecologo Franco Vicariotto.

Accedi al nostro dossier: Probiotici orali per disturbi ginecologici

Iniziativa editoriale promossa da Sandoz S.p.A.
AN: IT2008267356

Tag:

Contenuti correlati

Lactobacillus rhamnosus SD5675: probiotico per candida e vaginosi batterica

In ginecologia il microbiota ha un ruolo fondamentale ed è necessario chiarirne tutti gli aspetti. Vediamo dove è arrivata la ricerca.

Lactobacillus acidophilus LMG S-29159, probiotico amico delle donne

I probiotici stanno prendendo piede anche in ginecologia. Analizziamo gli effetti del Lactobacillus acidophilus LMG S-29159.

Infertilità idiopatica e disbiosi

La disbiosi del microbiota urogenitale sembrerebbe spiegare, almeno in parte, l’infertilità idiopatica. Vediamo i motivi.

Dieta in gravidanza: ecco gli effetti sul microbiota intestinale del neonato

La dieta in gravidanza influenza il microbiota intestinale del nascituro e la sua salute futura. Lo dimostra uno studio pubblicato su European Journal of Nutrition.

Iniziativa editoriale promossa da Sandoz S.p.A.

Articoli più recenti

Lactobacillus rhamnosus SD5675: probiotico per candida e vaginosi batterica

In ginecologia il microbiota ha un ruolo fondamentale ed è necessario chiarirne tutti gli aspetti. Vediamo dove è arrivata la ricerca.

Ecco come cambia il microbiota intestinale con il passare degli anni

L'età influisce sul microbioma intestinale e sulla salute generale dell’ospite. A dirlo è uno studio su The Journals of Gerontology.

Morbo di Crohn: ecco come dieta e jet lag peggiorano l’infiammazione intestinale

L'alterazione dell'equilibro tra intestino e microbiota può indurre lo sviluppo del morbo di Crohn. A dirlo è uno studio pubblicato su Cell.
X