giovedì, 21 Gennaio, 2021

Probiotici orali in ginecologia: quali caratteristiche devono avere?

In questi anni l’utilizzo di probiotici orali in ginecologia e ostetricia si è sempre più diffuso. Ma attraverso quali meccanismi si rivelano efficaci? Cosa vuol dire usare probiotici orali al posto degli antibiotici? E quali parametri di sicurezza è necessario monitorare?

Ce ne parla il ginecologo Franco Vicariotto.

Accedi al nostro dossier: Probiotici orali per disturbi ginecologici

Iniziativa editoriale promossa da Sandoz S.p.A.
AN: IT2008267356

Tag:

Contenuti correlati

Studio conferma il ruolo delle disbiosi intestinali nella preeclampsia

Il controllo del profilo del microbioma intestinale sembra essere uno strumento predittivo e/o di intervento nello sviluppo di preeclampsia.

Candida vaginale ricorrente: un caso clinico risolto con probiotici orali

Il ginecologo Franco Vicariotto ci racconta il caso di una giovane donna di 24 anni affetta da vulvovaginite da candida recidivante.

Preeclampsia grave: tra i fattori di rischio spunta anche il microbiota vaginale

Elevati valori di Prevotella bivia nel contesto vaginale, TNF-alpha e BMI determinano una predisposizione allo sviluppo di preeclampsia.

Ginecologia: l’antibiotico resistenza si combatte con i probiotici

Per contrastare la resistenza agli antibiotici in ambito ginecologico, i probiotici possono rappresentare una strategia alternativa efficace.

Iniziativa editoriale promossa da Sandoz S.p.A.

Articoli più recenti

Studio conferma il ruolo delle disbiosi intestinali nella preeclampsia

Il controllo del profilo del microbioma intestinale sembra essere uno strumento predittivo e/o di intervento nello sviluppo di preeclampsia.

Diabete: trapianto di microbiota autologo possibile opzione terapeutica

Il trapianto fecale autologo potrebbe rappresentare una valida alternativa di trattamento nei pazienti con diabete.

IBD: nuovo approccio microbiome based per “spegnere” l’infiammazione

Un nuovo trattamento basato su un peptide ingegnerizzato e un farmaco approvato dalla FDA, aiuterebbe a gestire le infiammazioni intestinali.
X