Bayer: partnerhip con Azitra per sviluppare probiotici per pelle sensibile e dermatite atopica

L'accordo prevede di sviluppare probiotici contenenti ceppi specifici di Staphylococcus epidermidis in ambito dermatologico.

Bayer e Azitra, una biotech statunitense che da diversi anni sta lavorando sul microbiota cutaneo, hanno annunciato una partnership per collaborare all’identificazione e alla caratterizzazione di ceppi batterici per sviluppare probiotici in dermatologia.

La partnership farà leva sui ceppi proprietari di Azitra, come lo Staphylococcus epidermidis (nella foto), per identificare potenziali candidati per il trattamento di patologie dermatologiche: sulla base dei risultati della partnership, Bayer prevede di sviluppare ceppi di Staphylococcus epidermidis selezionati in nuovi prodotti nell’ambito di un potenziale accordo di licenza.

Le potenziali aree di applicazione includono prodotti medicati per la cura della pelle sensibile e della dermatite atopica.

Recenti pubblicazioni suggeriscono che i microrganismi che costituiscono il microbioma cutaneo possono contribuire in modo significativo alla protezione della pelle dalle “invasioni” da parte di ceppi patogeni.

«Il microbioma cutaneo offre una piattaforma promettente per lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti naturali per la cura della pelle. Dal momento che Bayer è impegnata nello sviluppo di prodotti attraverso collaborazioni esterne, siamo lieti di collaborare con Azitra. La società ha già dimostrato la tollerabilità di un ceppo di Staphylococcus epidermidis selezionato in volontari sani e sta pianificando di iniziare lo studio clinico sull’efficacia» ha commentato Heiko Schipper, membro del consiglio di amministrazione di Bayer AG e presidente di Bayer Consumer Health.

Bayer, azienda che ha già un portafoglio prodotti nell’ambito della dermatologia, contribuirà attivamente alla collaborazione fornendo formulazioni topiche in grado di mantenere la vitalità dello Staphylococcus epidermidis.

«Siamo fortemente impegnati per offrire vantaggi significativi nel migliorare la salute e l’aspetto della pelle e, lavorando insieme a Bayer, sono fiducioso di poter raggiungere gli obiettivi che ci siamo proposti» ha sottolineato Richard Andrews, Presidente e CEO di Azitra .

La piattaforma innovativa sviluppata da Azitra è stata realizzata per lo screening di ceppi da impiegare nel trattamento di malattie dermatologiche come dermatite atopica, acne o psoriasi. Infine, l’accordo con Bayer prevede anche lo studio di batteri geneticamente modificati di Azitra in altri ambiti oltre a quello dermatologico.

FonteBayer

PUÒ INTERESSARTI