Diagnosi precoce del carcinoma polmonare: da FDA designazione Breakthrough Device per biopsia liquida di Micronoma

Si chiama OncobiotaLUNG ed è la prima biopsia liquida basata sul microbioma del sangue per la diagnosi del tumore al polmone nelle sue prime fasi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Micronoma, la prima azienda biotecnologica a sviluppare una biopsia liquida basata sul microbioma per la diagnosi precoce del tumore al polmone, ha annunciato oggi OncobiotaLUNG, questo è il nome del test, ha ricevuto la Breakthrough Device Designation, ossia la designazione di dispositivo rivoluzionario, dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Grazie a questo riconoscimento il test di Micronoma accederà a una corsia preferenziale da parte dell’agenzia per la sperimentazione clinica e per i processi di approvazione pre-commercializzazione.

La FDA ha preso la decisione sulla base della capacità di OncobiotaLUNG di classificare i noduli polmonari in alto o basso rischio di malignità attraverso un semplice prelievo di sangue, anche nelle prime fasi della malattia, rispetto all’attuale standard.

La diagnosi precoce del cancro del polmone può portare a un tasso di sopravvivenza più elevato. Negli Stati Uniti, il cancro del polmone rappresenta ogni anno quasi il 25% di tutti i decessi correlati al cancro, con più persone che muoiono per cancro ai polmoni che per cancro al colon, al seno e alla prostata messi insieme (fonte: American Cancer Society).

«Ricevere la designazione di dispositivo rivoluzionario dalla FDA è un fantastico riconoscimento da parte dell’agenzia e una grande pietra miliare per Micronoma» ha dichiarato Sandrine Miller-Montgomery, CEO e co-fondatrice di Micronoma. «Anche se ho sempre avuto la massima fiducia e ammirazione per il mio team, questo è un riconoscimento oggettivo del lavoro rigoroso che hanno svolto. Le possibilità per la piattaforma Oncobiota sono infinite e stiamo iniziando con il tumore ai polmoni, abbiamo collaborazioni attive per perseguire altri tipi di cancro per i quali la diagnosi precoce è criticamente non disponibile. Questa designazione è la nostra prima opportunità per accelerare ciò che ci siamo prefissati di fare all’inizio: contribuire in modo significativo a migliorare l’assistenza ai malati di cancro attraverso la diagnosi precoce».

Il lavoro che ha portato alla Breakthrough Device Designation si basa sui risultati di Micronoma, pubblicati sulle riviste scientifiche Nature e Cell. Queste scoperte sono state poi convalidate in un’ampia coorte specifica per il polmone, come descritto in un manoscritto condiviso con la FDA e in fase di revisione in una rivista ad alto impact factor.

Quando un test di imaging (ad es., TAC a basso dosaggio (LDCT)) mostra un nodulo polmonare indeterminato in un paziente, l’attuale standard prevede di mantenere il paziente sotto sorveglianza con imaging aggiuntivo (ad es., più LDCT, scansioni PET-TC ).

Quindi, se il sospetto persiste, si passa alla biopsia polmonare. Tuttavia, poiché il 95% dei noduli polmonari sottoposti a imaging risulta essere benigno, l’attuale percorso del paziente può essere lento e rischioso, con biopsie tissutali potenzialmente invasive e non necessarie.

Al contrario, con un semplice prelievo di sangue, il test diagnostico OncobiotaLUNG di Micronoma può aiutare i medici a determinare un rischio elevato rispetto a un basso rischio di malignità per i noduli polmonari rilevati, con prestazioni diagnostiche che corrispondono o superano l’attuale standard.

Ricevi gli aggiornamenti sul mercato del microbiota