Johnson & Johnson: partnership con biotech per sviluppare postbiotici in allergologia

Il progetto di collaborazione prevede di lavorare sui metaboliti del microbioma per individuare nuove terapie.

Janssen, società del gruppo Johnson & Johnson, ha annunciato la partenza di una collaborazione con Kaleido Biosciences, una biotech che da alcuni anni sta lavorando sui metaboliti batterici come possibili terapie in vari ambiti. Obiettivo della partnership: esplorare il potenziale delle terapie metaboliche correlate al microbioma (MMT), come per esempio i glicani, nella prevenzione delle allergie infantili e altre condizioni atopiche, immunitarie e metaboliche. L’idea è quella di supportare la maturazione del sistema immunitario nei bambini allo scopo di scongiurare l’insorgere di patologie su base allergica e autoimmune.

Un focus principale della ricerca sarà quello di utilizzare la piattaforma di screening ex vivo proprietaria di Kaleido per identificare i candidati MMT che supportano la crescita di specifici microbi benefici. Gli MMT saranno quindi ulteriormente valutati per la loro capacità di prevenire condizioni atopiche.

«La ricerca ha dimostrato che il microbioma è in grado di modulare una vasta gamma di patologie. La capacità dei nostri MMT di guidare la composizione e la funzione dei batteri residenti nell’intestino potrebbe rivelarsi utile per migliorare le condizioni di salute in diversi ambiti» ha dichiarato Johan van Hylckama Vlieg, direttore scientifico di Kaleido.

«Siamo entusiasti di applicare la nostra piattaforma e di estendere la nostra ricerca sulla modulazione immunitaria microbiome based insieme a Janssen. Questo programma approfondirà la nostra comprensione di come gli MMT promuovano la crescita di batteri benefici che guidano l’ecosistema intestinale per supportare l’omeostasi immunitaria e ridurre il rischio di insorgenza di allergie e altre condizioni di salute».

PUÒ INTERESSARTI