Individuati prebiotici che riequilibrano il microbiota e prevengono l’obesità

Una nuova ricerca suggerisce che due MAC, L-arabinosio e saccarosio, hanno effetti specifici sui microbi intestinali che possono prevenire l'obesità indotta dalla dieta.
CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Individuati prebiotici che riequilibrano il microbiota e prevengono l’obesità

CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stato dell’arte
Essendo resistenti alla digestione da parte dell’ospite, i carboidrati accessibili al microbiota (MAC) fungono da prebiotici che i microbi intestinali fermentano o metabolizzano in composti benefici, come gli acidi grassi a catena corta. Non è però ancora chiaro come i diversi MAC influenzino il microbiota intestinale e regolino la fisiologia dell’ospite.

Cosa aggiunge questa ricerca
Mediante esperimenti sui topi, i ricercatori hanno scoperto che due MAC, L-arabinosio e saccarosio, agiscono insieme sul microbiota intestinale, prevenendo l’obesità. L-arabinosio, che riduce l’assorbimento del saccarosio nell’intestino, sembra aumentare i livelli di batteri che producono acetato e propionato, mentre il saccarosio agisce in parallelo aumentando la produzione di queste molecole
.

Conclusioni
I risultati suggeriscono che ogni MAC ha effetti specifici sui microbi intestinali che possono influenzare la salute dell’ospite.

Essendo resistenti alla digestione da parte dell’ospite, i carboidrati accessibili al microbiota, o MAC, fungono da prebiotici che i microbi intestinali trasformano in composti benefici. 

Una nuova ricerca condotta sui topi suggerisce che ogni MAC ha effetti specifici sui microbi intestinali che possono prevenire l’obesità indotta dalla dieta.

I risultati, pubblicati su Cell Reports, potrebbero aprire la strada a nuovi approcci che utilizzano specifici prebiotici per modulare il microbiota intestinale e migliorare la funzione metabolica dell’ospite.

Fonti di energia selettive per i batteri

«I MAC rappresentano la principale fonte di energia per specifici microbi intestinali, che fermentano questi composti producendo vari metaboliti, come per esempio gli acidi grassi a catena corta, che possono essere benefici per l’ospite e inibire lo sviluppo di alcune malattie», affermano i ricercatori.

Poiché i microbi intestinali differiscono nella loro capacità di utilizzare i carboidrati come “carburante”, il modo in cui questi prebiotici influenzano il microbiota e quindi la salute dell’ospite può a sua volta variare. 

Inoltre, non sono ancora chiari gli effetti di ciascun MAC sui microbi intestinali e sul metabolismo dell’ospite.

Per rispondere a queste domande, un team di ricercatori guidato da Yun-Gi Kim della Keio University di Tokyo ha deciso di studiare gli effetti di due MAC, L-arabinosio e saccarosio, sull’obesità e sul microbiota intestinale nei topi.

L-arabinosio è un carboidrato estratto dalle piante che viene utilizzato come dolcificante naturale e additivo alimentare che riduce l’assorbimento del saccarosio nell’intestino, abbassando i livelli di zucchero nel sangue dopo un pasto. 

Ricerche recenti hanno anche dimostrato che L-arabinosio modula la composizione del microbiota intestinale e allevia i sintomi dell’infiammazione intestinale nei topi.

L-arabinosio e saccarosio

I ricercatori hanno somministrato saccarosio in presenza o assenza di L-arabinosio a topi che avevano digiunato per 24 ore. Quindi, hanno misurato i livelli di glucosio nel sangue degli animali 15, 30 e 45 minuti dopo. 

I livelli di saccarosio sono risultati più bassi nei topi che hanno ricevuto L-arabinosio.

I topi a cui è stata somministrata una dieta ricca di grassi e che hanno ricevuto L-arabinosio hanno guadagnato meno peso e avevano livelli di colesterolo nel sangue più bassi rispetto a quelli che non hanno ricevuto questo MAC. 

L’integrazione alimentare con L-arabinosio ha anche migliorato la tolleranza al glucosio. Tuttavia, L-arabinosio ha fatto registrare effetti benefici contro l’obesità indotta dalla dieta solo in presenza di saccarosio alimentare.

La supplementazione con L-arabinosio sembra avere effetti anche sul microbiota intestinale in quanto aumenta i livelli di Bacteroides e Bifidobacterium, due generi di batteri che sono correlati negativamente con l’aumento di peso corporeo.

Prebiotici anti-obesità

Per verificare se i livelli di specifici microbi intestinali fossero sufficienti per assicurare gli effetti benefici dell’L-arabinosio sull’obesità, i ricercatori hanno colonizzato topi germ-free con Bacteroides acidifaciens, i cui livelli aumentano in risposta all’L-arabinosio, o Escherichia coli come controllo. Quindi, hanno nutrito gli animali con una dieta ricca di grassi.

Rispetto ai controlli, i topi colonizzati con B. acidifaciens hanno guadagnato meno peso e avevano una migliore tolleranza al glucosio se trattati con L-arabinosio.

Ulteriori esperimenti hanno mostrato che L-arabinosio aumenta i livelli di batteri che producono acetato e propionato, mentre il saccarosio ha agito di concerto aumentando la produzione di queste molecole. «Con questo studio abbiamo dimostrato che L-arabinosio e saccarosio agiscono in modo cooperativo su specifici batteri come i Bacteroides, che a loro volta aumentano sinergicamente le concentrazioni di acetato e propionato nell’intestino e prevengono l’obesità indotta dalla dieta», concludono i ricercatori.

Potrebbe interessarti