mercoledì, 5 Agosto, 2020

Asse intestino vagina: lo stato dell’arte della ricerca scientifica

I batteri vaginali hanno un ruolo di primo piano nel mantenimento della salute di tutto l’organismo della donna. Gli studi pubblicati a riguardo sono sempre di più, ma c’è ancora molta strada da fare.

Più recenti sono le scoperte sul ruolo del microbiota intestinale nelle patologie ginecologiche: ormai diversi studi hanno dimostrato che il primo passo per avere un microbiota vaginale in equilibrio è garantire all’intestino un ecosistema batterico “sano”. Il primo driver per mantenere in salute il microbiota intestinale è seguire un’alimentazione sana. Quando si è in presenza di una disbiosi intestinale possono verificarsi problemi, quali candidosi vaginale e vaginosi batterica, disturbi molto frequenti nell’universo femminile e che in molti casi possono dare origine a recidive molto fastidiose.

Iniziativa editoriale promossa da Sandoz S.p.A.
AN: IT2006254199

Tag:

Avatar
Redazione
Clorofilla - Editoria Scientifica

Contenuti correlati

Vaginosi batterica e disbiosi, una relazione pericolosa

Con il 29% delle donne colpite almeno una volta nella vita, la vaginosi batterica è l’infezione urogenitale più diffusa. Conosciamola meglio.

Colonizzazione batterica dell’utero: esiste davvero un microbioma prenatale?

Ci sarebbe una colonizzazione batterica coinvolta nello sviluppo immunitario del neonato. A fare il punto è un commentario su Nature Microbiome.

Microbiota vaginale: lattobacilli fondamentali per il successo della fecondazione in vitro

Un team ha scoperto che le alterazioni del microbiota vaginale sono associate al successo della fecondazione in vitro.

Disbiosi vaginale e problemi ginecologici: a che punto è la ricerca?

In ginecologia il microbiota ha un ruolo fondamentale ed è necessario chiarirne tutti gli aspetti. Vediamo dove è arrivata la ricerca.

Iniziativa editoriale promossa da Sandoz S.p.A.

Articoli più recenti

Tumore del colon: bifidobatteri potrebbero avere un ruolo nella prevenzione

Specifici probiotici potrebbero proteggere contro lo sviluppo del tumore al colon retto. Lo conclude uno studio pubblicato su PLoS One.

Probiotici rivestiti con biofilm: resistono agli acidi gastrici e aderiscono meglio alle pareti intestinali

Secondo uno studio pubblicato su Science Advances,, i biofilm potrebbero aiutare i batteri benefici a colonizzare l'intestino.

Individuati batteri intestinali che convertono il colesterolo e lo rendono non assimilabile

Il microbioma intestinale sembrerebbe in grado di ridurre il colesterolo intestinale e sierico convertendolo in coprostanolo. Ecco come.
X