Skip to content

I dolcificanti modificano il microbiota intestinale e alterano la risposta glicemica

Un recente studio suggerisce che i cambiamenti del microbioma in risposta al consumo di dolcificanti non nutritivi possono, in alcuni casi, indurre cambiamenti glicemici nei consumatori.
CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

I dolcificanti modificano il microbiota intestinale e alterano la risposta glicemica

CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stato dell’arte
Sostituire lo zucchero nella dieta con dolcificanti non nutritivi (NNS), come l’aspartame e la stevia, è una delle strategie più comuni nella lotta all’obesità e ai livelli elevati di glucosio nel sangue. A differenza di quanto si è ritenuto finora, studi recenti suggeriscono che queste sostanze potrebbero avere un impatto negativo sulla salute.

Cosa aggiunge questa ricerca
I ricercatori hanno reclutato 120 persone che non hanno mai consumato NNS e le hanno divise in sei gruppi: quattro gruppi hanno assunto rispettivamente aspartame, saccarina, stevia o sucralosio, un gruppo di controllo ha ricevuto glucosio e un altro gruppo di controllo non ha ricevuto alcun supplemento. Le persone che hanno consumato dolcificanti hanno mostrato cambiamenti nel microbiota intestinale e nei metaboliti microbici presenti nel sangue. I cambiamenti nei microbi intestinali sono risultati correlati alle alterazioni della risposta glicemica o al picco post-prandiale dei livelli di glucosio nel sangue. Tali cambiamenti nel microbiota non si sono verificati nei gruppi di controllo. I topi germ-free che hanno ricevuto il microbiota di persone che hanno consumato dolcificanti e hanno avuto un’elevata risposta glicemica hanno sviluppato alterazioni simili a quelle dei donatori.

Conclusioni
I risultati suggeriscono che, in alcune persone, il consumo di dolcificanti può modificare il microbiota e alterare la risposta glicemica.

Sostituire lo zucchero alimentare con dolcificanti artificiali, come l’aspartame e la stevia, è una delle strategie più comuni per combattere l’eccesso di peso ponderale, l’obesità e problemi di iperglicemia. 

Un recente studio suggerisce tuttavia che, in alcune persone, questi dolcificanti possono modificare il microbiota in modo da alterare la risposta glicemica.

Effetti a lungo termine dei dolcificanti

Lo studio, pubblicato su Cell, sottolinea la necessità di comprendere l’impatto a lungo termine dei dolcificanti artificiali. «Dobbiamo aumentare la consapevolezza sul fatto che, a differenza di quanto si è ritenuto finora, i dolcificanti non nutritivi non sono inerti per il corpo umano», afferma il coautore dello studio Eran Elinav del Weizmann Institute of Science. 

E aggiunge: «Per chiarire le implicazioni sulla salute dei cambiamenti indotti da queste sostanze negli esseri umani saranno necessari studi a lungo termine».

Uno studio precedente del team di Eran Elinav ha suggerito che i NNS inducono intolleranza al glucosio nei topi alterando il loro microbiota intestinale. I ricercatori hanno quindi deciso di valutare gli effetti della NNS negli esseri umani.

Dolcificanti e glicemia

I ricercatori hanno reclutato 120 persone che che non hanno mai consumato dolcificanti e le hanno divise in sei gruppi: quattro gruppi hanno ingerito aspartame, saccarina, stevia o sucralosio, un gruppo di controllo ha ricevuto glucosio e un altro gruppo di controllo non ha ricevuto alcun supplemento. 

Tutti i dolcificanti sono stati somministrati in bustine contenenti una dose giornaliera inferiore a quella convenzionalmente accettata.

È stato valutato il livello di glucosio nel sangue per 29 giorni e sono state registrate l’assunzione di cibo e l’attività fisica utilizzando una App per smartphone. 

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a test di tolleranza al glucosio e sono stati raccolti campioni di feci e microbiota orale in giorni prestabiliti.

A differenza dei controlli, nei soggetti che hanno consumato dolcificanti sono stati rilevati cambiamenti nel microbiota intestinale e nei metaboliti microbici presenti nel sangue

I cambiamenti nei microbi sono risultati correlati alle alterazioni della risposta glicemica o al picco post-prandiale dei livelli di glucosio nel sangue. In particolare, la saccarina e il sucralosio hanno avuto un impatto significativo sulla tolleranza al glucosio negli adulti sani.

Effetti diversi da persona a persona

Per determinare se i cambiamenti nel microbiota fossero responsabili delle alterazioni della risposta glicemica, i ricercatori hanno trasferito campioni microbici dai partecipanti allo studio in topi germ-free.

I topi che hanno ricevuto microbi da persone che consumavano dolcificanti e avevano un’elevata risposta glicemica hanno sviluppato alterazioni simili a quelle dei donatori. 

Tali effetti non sono stati osservati negli animali che hanno ricevuto microbi da persone che avevano una bassa risposta glicemica.

Conclusioni

«Questi risultati suggeriscono che i cambiamenti del microbioma in risposta al consumo di dolcificanti non nutritivi possono, in alcuni casi, indurre cambiamenti glicemici nei consumatori in modo altamente variabile da individuo a individuo», afferma Eran Elinav. 

I risultati indicano anche che l’effetto degli NNS sui microbi intestinali può portare ad alterazioni glicemiche in alcuni, ma non in tutti i consumatori, a seconda del loro microbiota individuale e del tipo di dolcificanti artificiali che consumano.

Potrebbe interessarti