GSK e Viome: la partnership di ricerca si amplia su oncologia e immunologia

Al centro della collaborazione lo studio dell’interazione microbiota e organismo nell’insorgenza e nella progressione di malattia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Viome Life Sciences, biotech orientata allo studio e sviluppo di terapie microbiome based, ha annunciato l’espansione della partnership di due anni con GSK. L’obiettivo è intraprendere attività di ricerca clinica e sviluppare nuovi interventi terapeutici nei campi delle malattie croniche, comprese le malattie autoimmuni e i tumori. 

Questa espansione si basa su una collaborazione precedente incentrata sulla prevenzione di malattie croniche, che include l’analisi del microbioma di Viome e le piattaforme di intelligenza artificiale e l’esperienza di GSK nell’ambito immunologico.

«La maggior parte dei disturbi cronici viene trattata con farmaci mirati ai sintomi e non alle cause. L’esclusiva tecnologia dell’mRNA di Viome e la piattaforma di intelligenza artificiale hanno il potenziale per trovare le cause alla radice di specifici disturbi e tumori. Con queste skill e l’esperienza di GSK, aspiriamo a curare un giorno queste malattie e non solo a gestire i sintomi» ha affermato il CEO e fondatore di Viome, Naveen Jain

Microbiota intestinale e sistema immunitario

Il microbioma intestinale è ben noto per la sua capacità di modellare il sistema immunitario, con quasi il 70-80% del sistema immunitario ospitato all’interno del microbiota intestinale. 

Un microbiota intestinale sano supporta il sistema immunitario, che è collegato al benessere generale, al peso, all’energia, all’umore e allo stress di un individuo. 

Gli squilibri nel microbioma intestinale (disbiosi) sono stati associati a infiammazioni e malattie croniche che vanno da condizioni infiammatorie e metaboliche gastrointestinali a malattie neurologiche, cardiovascolari e respiratorie. 

Attraverso questa collaborazione, Viome e GSK studieranno la connessione tra il microbioma intestinale e specifici disturbi cronici eseguendo nel contempo studi clinici. 

Rino Rappuoli: «puntiamo a scoprire informazioni chiave sulle malattie croniche»

«Una migliore comprensione delle interazioni tra sistema immunitario e microbioma – che hanno dimostrato di avere un impatto significativo sulla salute umana – è stata parte della strategia di innovazione di GSK» ha affermato Rino Rappuoli, Head of R&D Vaccines, GSK. «Combinando la nostra solida esperienza in immunologia con la tecnologia di Viome con la sua analisi proprietaria dell’mRNA e la piattaforma di intelligenza artificiale, non vediamo l’ora di scoprire ulteriori informazioni chiave sulle malattie croniche».

Attraverso questa partnership, GSK e Viome continueranno a studiare le malattie croniche ancora prive di trattamento e lavoreranno per sviluppare nuovi e potenziali interventi. GSK e Viome hanno ben presente il potenziale del microbioma intestinale per influenzare il sistema immunitario di un individuo e determinare l’efficacia degli interventi sanitari.

Registrati e ricevi gli aggiornamenti sul mercato del microbiota