Microbioma e intelligenza artificiale: il report del K4I 12th EU Innovation Summit

Il 12° summit europeo sull'Innovazione K4I è stata l'occasione per Probionova, in collaborazione con Arches, di creare un dialogo diretto e propositivo con i principali interlocutori istituzionali europei.

Il 12° summit europeo sull’Innovazione K4I è stata una grande occasione per Probionova, in collaborazione con Arches, di creare un dialogo diretto e propositivo con i principali interlocutori istituzionali europei.

I deputati europei Sean Kelly e Maria da Graça Carvalho hanno ospitato la sessione.

L’obiettivo principale è stato quello di generare attenzione, interesse e reazioni sul tema “microbioma e intelligenza artificiale”.

Il moderatore Roland Strauss, direttore della piattaforma K4I, ha presentato i deputati che ospitano l’evento.

Sean Kelly
Sean Kelly

Sean Kelly ha evidenziato l’importanza delle tecnologie e delle nuove applicazioni per la posizione dell’Europa in un contesto globale, per rafforzare le risorse interne e diventare più competitivi.

Maria da Graça Carvalho ha sottolineato l’importanza di tradurre i risultati della ricerca in nuove pratiche cliniche, soprattutto nel contesto della medicina di precisione e personalizzata. Il tutto assieme alla considerazione sull’importanza di partnership istituzionali, anche nella futura pipeline di Innovative Health Initiative, nonché di un più forte partenariato UE/Africa sulla salute globale.

È stato inoltre confermato che il nuovo Horizon Europe inizierà all’inizio di gennaio con una consistente dotazione di bilancio anche per i progetti relativi alla salute.

La prima introduzione al background e al concept alla base del progetto è stata data da Michela Bianco Prevot, che ha sottolineato l’importanza di creare e aprire un dialogo, ma anche di concentrarsi su come l’emergenza Covid-19 abbia accelerato la necessità di “cambiare il paradigma” e come il concetto di One Health che coinvolge l’ambiente, il suolo, le piante, gli animali e l’uomo sia strettamente correlato al mondo del microbioma.

Maria da Graça Carvalho
Maria da Graça Carvalho

Il secondo intervento è stato tenuto da Marco Boccarusso, direttore R&D di Probionova, che ha affrontato il tema e l’impatto delle start up nel contesto europeo, condividendone il percorso e le competenze di ricerca, innovazione e tecnologie, spaziando dalla microbiologia applicata alla medicina clinica, lo sviluppo di nuovi probiotici basati sull’evidenza nonché prodotti bioterapici vivi di nuova generazione.

Un’altra osservazione è stata rivolta al fatto che il consumo di probiotici aiuta a ridurre l’assunzione di antibiotici, abbassando l’impatto dell’effetto collaterale negativo della diffusione della resistenza antimicrobica .

L’ultimo intervento è stato tenuto dal prof. Vassilios Fanos, che ha illustrato a fondo l’approccio multi omico come futuro strumento per la medicina personalizzata attraverso ciò che l’Intelligenza Artificiale può offrire come previsione, prevenzione e cura, grazie alla raccolta di big data e all’analisi a lungo termine (LONG DATA). Tenendo sempre a mente che «i medici non saranno sostituiti dall’intelligenza artificiale, ma chi saprà usarla sostituirà che non saprà usarla» (Bertalan Meskò).

«Siamo orgogliosi di aver raggiunto il nostro obiettivo, creando un confronto interattivo che ha generato un forte e profondo coinvolgimento del pubblico» ha dichiarato Michela Bianco Prevot al termine della sessione.

«Il risultato più importante è la richiesta diretta di continuare questo dibattito, in virtù del forte impatto del tema a livello di UE per future opportunità, possibilmente attraverso l’organizzazione di un dibattito con altri importanti deputati da coinvolgere, possibilmente a Bruxelles alla prima occasione possibile» ha affermato con soddisfazione Marco Boccarusso al termine del dibattito.

PUÒ INTERESSARTI

X