Microbioma Business Review di giugno: M&A, licenze e investimenti avvenuti lo scorso mese

Inauguriamo la prima Microbioma Business Review: ogni mese su Microbioma.it la rassegna di tutto ciò che è successo nel mondo finanziario ed economico.

Giugno è stato un mese impegnativo per il microbiome space, con numerosi accordi e contratti siglati nel mondo dei probiotici, dei prebiotici e delle microbiome therapies in generale.

Ecco le principali notizie e i deal più importanti avvenuti il mese scorso:

• la biotech svizzera Debiopharm ha firmato una licenza esclusiva e un accordo di collaborazione di ricerca con Takeda per sviluppare nuove terapie mirate ai disturbi gastrointestinali. In base all’accordo, Takeda selezionerà e ottimizzerà i composti ottenuti dalla pipeline Debio 1454 / M di Debiopharm per identificare i candidati per un ulteriore sviluppo nell trattamento della malattia infiammatoria intestinale (IBD) e di altri disturbi gastrointestinali (GI). (Leggi la notizia completa).

Chr Hansen, player globale nelle biotecnologie, continua il suo percorso di acquisizioni. Ha acquistato per 530 milioni di dollari la statunitense UAS Labs. Secondo Chr Hansen l’acquisizione rafforzerà e amplierà ulteriormente la sua piattaforma microbica globale e il business nella salute umana. Questo passo si allinea alla strategia di perseguire acquisizioni che si adattano alla propria piattaforma microbica. L’accordo arriva dopo l’acquisizione di Chr Hansen dell’HSO Health Care con sede in Austria, nota per la sua specializzazione nei probiotici in ginecologia, avvenuta ad aprile.

Assembly Biosciences, una biotech in fase clinica che sviluppa terapie mirate al virus dell’epatite B (HBV) e alle malattie microbioma correlate, ha affermato di aver riacquistato i diritti mondiali per tutti i programmi gastrointestinali concessi in licenza in base al suo accordo di collaborazione con AbbVie. Ora dovrà recupererà tutti i candidati autorizzati in base all’accordo originale del 2017 con Allergan, inclusi ABI-M201 e ABI-M301. Un accordo da 50 milioni di dollari, oltre allo sviluppo basato sul raggiungimento degli obiettivi e ai pagamenti commerciali. La mossa per annullare l’accordo arriva mentre AbbVie cerca di eliminare i patti indesiderati e ripulire la sua pipeline dopo un’acquisizione da 63 miliardi di dollari di Allergan avvenuta a maggio.

Enterome, biotech specializzata nell’asse microbioma-immunoinfiammazione, ha completato il finanziamento di € 46,3 milioni ($ 52,6 milioni) per progredire nello sviluppo clinico della sua pipeline terapeutica. Nell’ambito del finanziamento, la società ha chiuso un round della serie E con nuovi investitori tra cui SymBiosis, LLC, un di investimento focalizzato sul microbioma e Takeda Pharmaceutical Company Limited. Hanno partecipato al round anche gli investitori Enterome pre-esistenti tra cui Seventure, Health for Life Capital, Principia, Omnes Capital e Nestlé Health Science. Inoltre, Enterome ha effettuato il primo prelievo da una linea di prestito fornita dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) in virtù di un accordo del 2018.

• L’azienda danese specializzata in enzimi e culture Novozymes ha siglato un accordo per l’acquisto di PrecisionBiotics in un accordo del valore di 80 milioni di euro. L’accordo per la società, uno spin-off dell’University College di Cork, rappresenta la seconda acquisizione di Novozymes di una società specializzata nei probiotici.

OptiBiotix Health, biotech britannica, ha dichiarato che ProBiotix Health ha stipulato un accordo di distribuzione non esclusiva con Cambridge Commodities per la distribuzione di LPLDL e CholBiome X3 nel Regno Unito. La società ha inoltre firmato un recente accordo con l’italiana Actial Farmaceutici relativo alla distribuzione in Australia, Nuova Zelanda, Indonesia e Tailandia per i suoi integratori alimentari CholBiome e CholBiome X3.

• L’azienda specializzata nel combattere l’antibiotico resistenza (CARB-X) ha dichiarato che sta assegnando fino a 1,82 milioni di dollari a Eligo Bioscience con sede a Parigi – un’azienda biotech in fase preclinica pioniera nella terapia genica del microbioma. Il premio include finanziamenti aggiuntivi fino a 7 milioni di dollari per lo sviluppo di una nuova generazione di antimicrobici altamente specifici per prevenire le infezioni batteriche multi-farmaco-resistenti nei pazienti con trapianto di organi. Eligo trasforma i batteriofagi in vettori del DNA sicuri e non replicativi. I vettori sono programmati per iniettare un carico utile di DNA sintetico direttamente nelle popolazioni batteriche bersaglio del tratto gastrointestinale.

PUÒ INTERESSARTI

X