Dal cavo orale all’intestino: i batteri che “traslocano” all’origine di patologie

19 Aprile 2019 / di Giorgia Guglielmi


  • Stato dell’arte
    La traslocazione dei batteri dalla bocca all’intestino è associata a malattie come l’artrite reumatoide, il cancro del colon-retto e la malattia infiammatoria intestinale. Ma si conosce ancora poco del modo in cui il microbiota della bocca e quello intestinale sono collegati negli individui sani.
  • Cosa aggiunge questa ricerca
    Analizzando campioni di saliva e di feci provenienti da quasi 500 individui, i ricercatori hanno scoperto che il microbiota della bocca e dell’intestino condividono diversi ceppi microbici sia nelle persone sane che in quelle malate.
  • Conclusioni
    I risultati mostrano che alcuni microbi intestinali, compresi quelli legati a malattie come il cancro del colon-retto, potrebbero originare nella bocca.


Ogni giorno, le persone inghiottono più di un trilione di microbi, ma solo una piccola parte di questi batteri è in grado di sopravvivere ai succhi digestivi e di prosperare nell’intestino. La trasmissione di batteri lungo il tratto gastrointestinale è stata a lungo associata a malattie come il cancro del colon-retto e la malattia infiammatoria intestinale. Ora, gli scienziati hanno scoperto che anche nelle persone sane, molti microbi della bocca sono in grado di raggiungere l’intestino e di colonizzarlo.

Lo studio, condotto da Thomas Schmidt e Matthew Hayward presso l’European Molecular Biology Laboratory a Heidelberg, in Germania, è stato pubblicato sulla rivista eLife.

Batteri condivisi

Per capire come il microbiota della bocca e quello dell’intestino sono collegati, il team di ricercatori ha analizzato i campioni di saliva e di feci ottenuti da 470 individui sani o a cui erano stati diagnosticate malattie come l’artrite reumatoide, il cancro del colon-retto o il diabete.

I ricercatori hanno identificato 310 specie microbiche comuni: di queste, il 16% era presente principalmente nei campioni di saliva e il 44% è stato trovato per lo più nei campioni di feci, compresi membri ben noti del microbioma intestinale come Clostridium e Bacteroides. Il restante 40% delle specie microbiche era condiviso tra campioni di saliva e di feci.

Quasi il 60% di queste specie condivise, tra cui Streptococcus, Veillonella, Actinomyces e Haemophilus, sono risultate più simili nello stesso individuo che tra individui diversi, il che suggerisce che i microbi viaggino attraverso il tratto gastrointestinale. Per altri batteri, come i membri del genere Prevotella, la trasmissione dalla bocca all’intestino sembra essere avvenuta solo occasionalmente.

Un viaggio comune

La traslocazione dei microbi è risultata maggiore nelle persone affette da cancro del colon-retto o da artrite reumatoide, ma i ricercatori hanno scoperto che anche negli gli individui sani i batteri della bocca sono in grado di viaggiare attraverso il tratto gastrointestinale.

Circa il 75% dei batteri della bocca è stato rintracciato nell’intestino per alcuni dei partecipanti allo studio. E circa il 35% dei microbi è stato tracciato dalla bocca all’intestino all’interno degli stessi individui.

A essere trasmessi con maggiore probabilità lungo il tratto intestinale sono stati soprattutto gli agenti patogeni opportunistici, i batteri della placca e i batteri che causano la carie. Ma anche microbi come Fusobacterium nucleatum sono stati comunemente tracciati dalla bocca all’intestino, specialmente nelle persone affette da tumore del colon-retto. Ciò è in linea con l’ipotesi che, in alcuni casi, il Fusobacterium nucleatum possa favorire la colonizzazione dei batteri della bocca nell’intestino.

Secondo gli autori dello studio, anche se la ricerca non rivela come i batteri orali traslocano nell’intestino, suggerisce che la bocca è una fonte sottovalutata di microbi intestinali, compresi quelli legati a malattie come il tumore del colon-retto.

Traduzione dall’inglese a cura della redazione

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su microbiota e probiotici

Articoli consigliati

Start typing and press Enter to search

Agire sui lieviti intestinali: nuovo possibile approccio terapeutico per le IBDEnterococcus faecalis: ecco come un microbo innocuo diventa patogeno