Allergie nei bambini: studi italiano scopre firme specifiche nel microbiota intestinale

CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Allergie nei bambini: studi italiano scopre firme specifiche nel microbiota intestinale

CONDIVIDI →
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stato dell’arte
L’incidenza delle allergie infantili è aumentata negli ultimi decenni. Oltre ai fattori genetici anche gli antibiotici, il parto cesareo e la dieta, fattori ambientali che modificano il microbiota intestinale, potrebbero aumentare il rischio, ma non è ancora chiaro il meccanismo.

Cosa aggiunge questo studio
Analizzando il microbiota intestinale di 30 bambini sani e 90 bambini affetti da allergie alimentari o respiratorie, sono emerse specifiche firme microbiche, un numero maggiore di geni microbici coinvolti nella produzione di molecole infiammatorie.

Conclusioni
I risultati rivelano la presenza di alterazioni nel microbiota intestinale dei bambini allergici e potrebbero aiutare a sviluppare nuove strategie per prevenire e curare le allergie infantili.

L’incidenza delle allergie infantili è aumentata in misura significativa negli ultimi decenni: in particolare negli Stati Uniti le allergie alimentari nei bambini sono aumentate di circa il 50% tra il 1997 e il 2011. 

Uno studio italiano pubblicato di recente rivela che specifiche firme del microbiota intestinale sono associate allo sviluppo di allergie alimentari o respiratorie nei primi anni di vita.

I risultati, pubblicati su Nature Communications, potrebbero quindi aiutare a sviluppare nuove strategie per prevenire e curare le allergie infantili.

Allergie, tra genetica e ambiente

Oltre ai fattori genetici anche quelli ambientali, come l’uso di antibiotici, il parto cesareo e la dieta, potrebbero aumentare il rischio dei bambini di sviluppare allergie

Precedenti studi hanno dimostrato che la maggior parte di questi fattori ambientali modula il microbiota intestinale, ma non è chiaro se i batteri intestinali possano svolgere un ruolo nelle allergie alimentari e respiratorie.

Per analizzare le caratteristiche del microbiota intestinale dei bambini allergici, un team di ricercatori guidato da Danilo Ercolini e Roberto Berni Canani dell’Università di Napoli Federico II ha analizzato campioni fecali di 30 bambini sani e 90 bambini affetti da allergie alimentari o respiratorie.

Microbiota intestinale e allergie infantili

Rispetto ai controlli, i bambini allergici presentavano specifiche firme microbiche, come livelli più elevati di Ruminococcus gnavus e Faecalibacterium prausnitzii e minore abbondanza di Bifidobacterium longum, Bacteroides dorei, B. vulgatus e altri batteri che degradano le fibre.

Inoltre, i bambini con allergie alimentari erano caratterizzati da livelli più bassi di B. vulgatus e livelli più alti di Blautia wexlerae rispetto ai bambini con allergie respiratorie, mentre questi ultimi mostravano una maggiore abbondanza di Anaerostipes hadrus e Prevotella copri.

Nell’arco di 36 mesi, alcuni bambini allergici hanno sviluppato tolleranza immunitaria. Questi bambini hanno mostrato una maggiore abbondanza di B. longum, Lachnospira pectinoschiza e A. hadrus e livelli inferiori di Ruthenibacterium lactatiformans e Clostridium leptum.

Gestione delle allergie

Un’analisi del genoma dei microbi (microbioma) ha rivelato che l’intestino dei bambini allergici è caratterizzato da un potenziale infiammatorio più elevato rispetto a quello dei bambini sani. 

Infatti, nel microbioma dei bambini allergici, i ricercatori hanno scoperto un aumento del numero di geni coinvolti nella produzione di lipopolisaccaridi e ureasi: i primi stimolano la produzione di molecole immunitarie infiammatorie e sono stati associati all’insorgenza di rinosinusite allergica, mentre le ureasi sono coinvolte nella degradazione dell’urea e nella produzione di ammoniaca. 

«È stato ipotizzato che un aumento del potenziale di degradazione dell’urea possa promuovere la disbiosi del microbiota intestinale ed esacerbare la colite nei topi», osservano i ricercatori.

I risultati suggeriscono che la produzione di molecole pro-infiammatorie può essere associata all’aumento dell’infiammazione tipico delle allergie. 

«La manipolazione del microbioma intestinale potrebbe diventare un approccio promettente per nuove strategie preventive e terapeutiche contro le allergie», affermano gli autori. 

«Per farlo sarà necessario identificare le firme microbiche tipiche delle malattie allergiche e comprendere il potenziale funzionale delle alterazioni del microbioma».

Giorgia Guglielmi
Giorgia Guglielmi è una science writer freelance residente in Massachusetts, USA. Ha conseguito il dottorato in Biologia all’European Molecular Biology Laboratory e il Master in Science Writing al MIT.

Potrebbe interessarti